giovedì 23 luglio 2015

Krishna-Un viaggio interiore

"Perchè esistiamo? Quali sono i nostri desideri? La vita e le sue domande. A volte il loro peso è grave...ma io plano attraverso il mondo degli uomini sulle ali delle loro risposte. La mia storia parla della vita, perchè non è una storia su di me, è una storia sulla speranza"




Nell'ultimo periodo, a causa di alcuni impegni lavorativi, mi sono avvicinato (e appassionato) parecchio alla mitologia. Non che i miti non mi avessero mai interessato, tuttavia, mai come ora, mi era capitato di leggere e analizzare così tanti testi sull'argomento e provarci così tanto gusto. Perciò, forse spinto dall'onda di questa nuova ricerca, insieme al consueto fascino che gioca su di me il mondo orientale e alle ottime parole spese sull'autore e l'opera di cui presto andrò a parlare, mi sono deciso ad andare in fumetteria e prendere Krishna-Un viaggio interiore scritto e disegnato da Abhishek Singh ed edito dalla sempre ottima e lungimirante Bao Publishing.
Il protagonista del fumetto, come facilmente intuibile dal titolo, è Krishna. Quest'ultimo, come gran parte dei personaggi mitici e religiosi, si presenta come un essere di diversa natura a seconda della tradizione nella quale lo inquadriamo. Krishna, infatti, agli occhi di un laico occidentale, appare come un affascinante e antico mito, un personaggio protagonista di vicende in cui il sovrannaturale e il terreno si incrociano continuamente nel grande tempo dei primordi, quello della mitologia. Per un Hindu di corrente Vaisnavita, invece, è uno degli avatar del dio Vishnu, protettore del cosmo e del Dharma, la legge naturale che tutti gli esseri devono accettare e seguire poichè l'universo conservi la sua armonia. Infine, per un Krishnaita, Krishna è l'essere supremo stesso e non una delle sue manifestazioni.


Avendo a che fare con una figura così complessa, che porta con se un infinito bagaglio di storie, tradizioni, culti e interpretazioni, ne risulta che l'opera di Singh metta in scena una vicenda fortemente stratificata e frammentaria, ricca di personaggi, associazioni e situazioni disparate. Gli episodi che ci vengono raccontati non sono certamente inventati dall'autore, ma vengono presi da vari "testi sacri" come il  Mahābhārata e il  Bhagavadgītā,accompagnando il lettore in un viaggio, che pur assumento una sorta di andamento cronologico, mantiene le caratteristiche di un percorso interiore, come un flusso di immagini e pensieri senza tempo, dove la dimensione individuale e quella cosmica si intrecciano continuamente.


Si parte dunque dall'infanzia di Krisha, con la presentazione di un mondo armonioso e idialliaco, dolce e coloratissimo. Il piccolo Krishna è un irresistibile bricconcello pieno di vita e di curiosità. L'infanzia viene presentata come il tempo dell'innocenza e della spensieratezza, dove il mondo è ancora tutto da scorprire. In questa sezione sono memorabili l'episodio in cui Krishna viene sorpreso dalla madre adottiva a rubare il burro e la lotta con il serpente acquatico Kaalia. Nel primo episodio quando Yasoda, la mamma adottiva, cerca di guardargli la bocca piena di burro, vede tutto l'universo accorgendosi, così, di chi fosse il bambino che stava rimproverando. Nel secondo episodio Krishna affronta il serpente Kaalia, reo di avere avvenelato l'acqua del fiume nel quale le mucche del piccolo dio si stavano abbeverando. La lotta si rivela un'occasione per riflettere sulla natura di un essere vivente e sulla necessità per ognuno di seguire il suo Dharma, senza, tuttavia, cedere alla malvagità.
Dopo la dolcezza dell'infanzia, Singh ci presenta la triste storia dei genitori di Krishna, maltrattati dal malvagio Re Kamsa e la conseguente vendetta del giovane Krishna, la passione amorosa per la bella pastorella Radha, la storia della nascita della nascita del dio e, infine, l'epica battaglia di Kurukshetra. Quest'ultimo episodio, espresso con tavole di una potenza visiva devastante, mette in scena la lotta tra i principi Pandava e gli usuraptori del loro regno, i Kaurava. Krishna, essendo imparentato con entrambi le fazioni, deciderà di non schierarsi con nessuna delle due ma di far scegliere ai loro due rappresentanti tra la sua presenza e il suo esercito. Arjuna (Pandava) sceglierà la sua presenza e Krishna sarà dunque il cocchiere del suo carro da guerra, mentre Duryodhana sceglierà il suo esercito. Arjuna, prima dell'inizio della battaglia sarà in preda ad un turbine di dubbi esistenziali e morali, trovandosi di fronte come avversari una schiera composta dai suoi parenti più stretti. A tal punto Krishna infonderà coraggio nell'eroe, ricordandogli l'entità del suo dharma di guerriero e mostrandogli la chiave per la realizzazione spirituale. Dopo l'intervento di Krishna, Arjuna trovò la forza per combattere e portare alla vittoria i Pandava.







Krishna-un viaggio interiore è certamente un'opera che risente fortemente della cultura e della tradizione propria del suo autore, ma, come tutte le opere che hanno a che fare con i temi, il linguaggio e le immagini della mitologia, esprime dei concetti e delle riflessioni che hanno l'ampio respiro di un racconto universale. Nel fumetto di Singh il lettore viene a contatto con episodi che parlano delle coordinate base delle esistenza umana: la curiosità e l'entusiasmo per il mondo nell'infanzia, i tumulti e gli amori della giovinezza, la consapevolezza dell'età adultà, la ricerca di un'armonia con il mondo circostante, il tentativo di trovare un senso alla propria vita e il tentativo di inserirla all'interno di un disegno più grande. Per questo motivo, l'opera in questione, attraverso gli episodi della vita di Krisha diventa un "viaggio interiore" non solo nella coscienza narrata del dio, ma anche ( e soprattutto) in quella del lettore, sollevando un comparto di riflessioni e suggestioni che partono contemporaneamente dalla potenza "mitica" ed evocativa dei testi e dall'espressività delle immagini.


Trattandosi di materiale mitico, i testi di Singh hanno costantemente un'aura poetica ed aforistica, a tratti ermetica, ma sempre costantemente illuminante nella loro forza suggestiva e rappresentativa. Tutto questo si coordina alla perfezione con il comprato grafico, nel quale l'autore mostra uno stile davvero complesso e ricercato. Singh fa ampio uso del digitale e delle possibilità grafiche date dal computer senza confezionare un'opera dall'aria fredda e artificiale. Lo stile dei personaggi e degli ambienti risente sicuramente di un'estetica cartoonizzante, ricordando, per certi versi, alcune delle opere più belle della disney/pixar, soprattutto nella resa dinamica delle fasi più concitate. Tuttavia sono presenti anche notevoli influenze della pittura tradizionale indiana, soprattutto nella costante ricchezza di particolari e in alcuni "affreschi" dal tono mistico/sognante, come nella parte dedicata all'amore tra Krishna e Radha, così come qualche accenno ai comics americani, soprattutto, anche qui, nell'impostazione delle tavole nelle scene di combattimento. Oltre agli splendidi disegni, ciò che rende il volume davvero prezioso è la coloritura, fatta di tonalità accese e luminose, con ombreggiature nette e marcate, che colpiscono gli occhi all'istante con un'immediatezza davvero irresistibile. Sfogliando il volume, la percezione del lettore viene spesso invasa dalla ricchezza e meravigliosità dei dettagli che dapprima lo impressiona come uno shock, per poi  incollarlo alla pagina, nel tentativo di ammirare quanta maestria e quanto splendore siano davanti ai suo occhi.


Per concludere, Krishna-Un viaggio interiore, è un'opera notevolissima, sia dal punto di vista narrativo e contenutistico sia da quello prettamente grafico. L'autore mette in scena una vicenda universale, capace di toccare le corde profonde dell'animo umano,appassionare per il suo ritmo e stupire per la sua dimensione poetica e mistica. Il lettore viene condotto in un viaggio alla riscoperta delle linee e delle domande essenziali dell'esistenza, alla ricerca di uno sguardo armonico sul tutto che solo i miti, per la forma e i contenuti che conservano, riescono ancora a dare.

8 commenti:

  1. Ti stavo aspettando Matt e di certo non mi aspettavo nulla di questo. Hai scritto un pezzo esageratamente bello, con una maestria eccezionale ed una dedizione che sottolinea quanto vedi-senti-osservi l'elemento libro o fumetto che sia.
    Anche io ho letto questo libro, tre estati fa in inglese, e ricordo mi feci dei pianti assurdi quando vidi raffigurato ciò che conoscevo (dato il nostro negozio) come quasi astrazione e sicuramente non ben definito.
    Verrei lì solo per stringerti la mano e complimentarmi!
    Un caro saluto e buone letture.
    PS: non so quanto tu possa crederci nel CASO, ma stavo pensando giusto stamattina a questo libro ed al fatto di non averci saputo scrivere quasi nulla ai tempi che furono.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazie mille per il commento Dome, mi lusinghi come sempre! Krishna è certamente uno di quei volumi che ti spinge alla ricerca, ad informarti su tutti gli aneddoti e i personaggi che sono citati. E' veramente come immergersi in un mondo di cui hai sentito parlare e di cui hai in mente varie coordinate base, ma che, ad ogni occhiata, si rivela sempre più profondo e stratificato. Poi c'è il fascino della mitologia, che è qualcosa che unisce ad ogni latitudine, proprio per il suo affrontare, con immagini e parole evocative, temi relativi all'esserci originario dell'uomo in questo mondo.
      Ti ringrazio ancora per il commento sperando di beccarci presto in futuro.
      Un abbraccio e tante buone letture anche a te
      Matteo

      Elimina
  2. Ottimo post e ottima segnalazione...
    Grazie mille!

    RispondiElimina
  3. Splendido post per uno splendido volume!
    Complimenti davvero: io che m'interesso da decenni alla cultura indiana antica non avrei assolutamente saputo fare di meglio (sì, esatto, c'è un pizzico d'invidia in me ^___^).
    Complimentissimi!
    Se ancora non l'hai fatto ti consiglio vivamente la lettura della Bhagavad Gita, un libro di una bellezza e di un'intensità ineguagliabili (no, non sono credente ^__^).
    Un abbraccio e grazie per questa tua splendida recensione!
    Orlando

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ciao Orlando! Grazie mille per i complimenti e se ho comprato questo volume lo devo anche alla bellissima recensione che facesti sul tuo blog. Io non sono di certo un esperto di cultura indiana, ma questo volume è stata un'occasione importante per approfondire alcuni temi e scoprire qualcosa su queso mondo davvero straordinario, stratificatissimo e molto affascinante. Per il resto, ultimamente per lavoro sto facendo alcune ricerche di stampo antropologico sulla nascita e la funzione dei miti. Tutto qusto mi ha fatto certamente apprezzare ancora di più Krishna, facendomi comprendere, soprattutto, il respiro universale dei temi trattati e quanto il mito, come narrazione archetipa, stia alla base di tutte le dicotomie e i passaggi della nostra vita, riuscendo in sè ad eliminare quella dimensione temporale e cronologica che ci porta sempre ad escludere uno dei termini a favore di una visione che abbraccia sempre il tutto. Il mito ci fa riscoprire l'armonia dell'universo e alla fine della lettura di Krishna mi sono sentito in pace.
      Il Bhagavad Gita non l'ho ancora letto, ma certamente lo farò! Grazie per il consiglio, prezioso come sempre.
      Grazie ancora per le splendite parole che hai speso e per la tua attenzione e il tuo sostegno.
      Un abbraccio
      Matteo

      Elimina
  4. i came and read this marvelous review of krishna in 2017, how time works and such wonderful turns the river of life takes us along, graciemille matthew, one of the most indepth review this is, hopefully next book will be a good successor...i hope

    RispondiElimina